Identità - CALCIO ARMONICO

Vai ai contenuti

Menu principale:

Identità

PROGETTO

Nell’ambito della psicologia dello sport lo studio dell’identità e dei conflitti d’identità degli atleti durante e dopo la carriera agonistica sportiva costituisce un argomento di forte attualità.
Ogni atleta, indipendentemente dallo sport che pratica o che ha praticato ad alti livelli, possiede un forte senso di identità e un alto livello di motivazione.
Nonostante ciò attraversa momenti di crisi e vive conflitti personali sia quando gode del successo, nel pieno della sua attività sportiva, sia al momento del ritiro dall’attività.
Si può ipotizzare che campioni si diventa col tempo, maturando ed esprimendo nella scelta della disciplina sportiva tutte quelle caratteristiche proprie di ogni fase della vita e paragonabili alle dimensioni fondamentali dell’identità dell’atleta: la fiducia in se stessi, la capacità di autonomia nelle scelte di vita, la
capacità di iniziativa, l’intraprendenza, la capacità di prodigarsi e adoperarsi per raggiungere determinati obiettivi.
A completare il quadro delle abilità di un atleta contribuisce la gestione dell’energia psichica e dello stress, la capacità attentiva e l’immaginazione.
Queste sono le caratteristiche di personalità che un atleta dovrebbe possedere per diventare un campione.
A volte gli atleti sono soggetti a forti stress, ad infortuni limitanti e anche nel calcio non mancano le depressioni e i casi di suicidio.
In un mondo altamente competitivo, con allenamenti stressanti e partite sempre più frequenti, gli attacchi di panico e ansia da prestazione sono frequenti tra i calciatori a tutti i livelli, dalle giovanili alle squadre di serie A.
Il più delle volte, questo aspetto dell’atleta viene trascurato.
Erroneamente si pensa che per i grandi campioni del calcio la depressione sia impossibile e diventa quasi un tabù.
Per aiutare gli atleti a riprendere contatto con la vera realtà e di conseguenza il riequilibrio dell’ essere sia umano che sportivo si usa la Musicoterapia.
Musicoterapia, significa usare la Musica nella realizzazione degli scopi terapeutici: il ristabilimento, il mantenimento e il miglioramento della salute mentale e fisica.
Si usa la Musica in ambito terapeutico per portare i cambiamenti desiderati nel comportamento.
Tali cambiamenti permettono all’individuo di affrontare la terapia per arrivare ad una maggiore comprensione di sé e del mondo intorno a lui, e di ottenere quindi un più adeguato adattamento alla società.

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu