Nobiltà - CALCIO ARMONICO

Vai ai contenuti

Menu principale:

Nobiltà

PROGETTO

La Nobilltà è data dalla sincronia perfetta dell’atleta in relazione alla prestazione sportiva.

La nobiltà sta nell’osservare un calciatore esprimersi in campo con fantasia, eleganza e duttilità.
Mi piace sottolineare anche il rapporto che il calcio ha con l’arte in generale ma soprattutto con la danza .
Nell’affascinante mondo del calcio, tanti giocatori sono tecnicamente straordinari, usano il loro corpo alla perfezione quasi danzando sul campo da gioco.
Il calcio è arte, improvvisazione, agilità, grazia, anima e cuore proprio come la danza.
Sicuramente il grande talento, l'immaginazione creativa, l'efficienza di una grande star della danza come
Nureyev, si può paragonare a giocatori quali Rivera, Pelè, Maradona, Di Stefano, Garrincha, Sivori.
Questi giocatori citati in esempio sono dotati di una eleganza rassicurante, che sfocia nella bellezza inventiva del gioco.
Divertimento e sacrificio, questa è la consegna per chi si dedica al calcio ed alla danza, due attività che si integrano tra loro.
Come vuole il gioco del calcio e, un po' meno la danza, ci si basa molto sull'improvvisazione, ma sia nel ballerino che nel calciatore esiste un'ansia di perfezione ed una verità che costituiscono la componente di concetto per valorizzarne i gesti.
Nel calcio moderno, la fusione tra calcio e danza si può notare nella disciplina del
Freestyle.
Il Freestyle è una componente essenziale delle abilità del calciatore.
Oltre ad essere molto coreografico e spettacolare, è sicuramente un valore aggiunto, che permette a chi ne conosce i segreti, di impressionare e stupire con giocate fantasiose ed efficaci.
Tanti grandi talenti del calcio,specialmente quelli brasiliani, usano il freestyle regolarmente durante le partite.
Il moderno calcio freestyle ha le sue origini nel
Chinlone.

Chinlone è il nome di un’antichissima disciplina orientale, uno sport non-competitivo della Birmania che combina la danza all’uso della palla.
Il nome in burmese significa “palla mistica”.
Nel Chinlone una squadra di 6 giocatori si passa la palla avanti e indietro utilizzando piedi e ginocchia e camminando in cerchio.

Solitamente vi è un giocatore principale al centro che cattura l'attenzione del pubblico creando una sorta di danza con il pallone, sostenuto dagli altri cinque componenti che lo aiutano a mantenere la palla in gioco con dei calci.
Se la palla tocca terra il gioco semplicemente finisce e si ricomincia.
I giocatori utilizzano 6 punti di contatto con la palla: la punta delle dita dei piedi, la parte interna e esterna del piede, la suola, il tacco e le ginocchia.
Il gioco si pratica a piedi nudi o utilizzando apposite scarpe che permettono al giocatore di sentire la palla e la terra il più possibile.
Il Chinlone ha più di 1500 anni e veniva eseguito per i reali birmani.
Nei secoli, i giocatori hanno sviluppato più di 200 modi di calciare la palla.
Molti dei movimenti sono simili alle danze birmane o alle arti marziali.
La forma, o l'estetica, è la cosa più importante: deve esserci un corretto modo di posizionare mani, braccia, torso e testa durante i movimenti.
Una partita è considerata ben fatta solo se tutti i movimenti sono corretti.
Il suono stesso che fa la palla quando viene calciata è parte integrante dell'estetica del gioco.
La Birmania è un paese tipicamente buddista e il gioco del Chinlone è spesso eseguito durante i festival che si organizzano durante l'anno.
Il più grande di questi festival dura più di un mese e prevede la partecipazione di migliaia di squadre.
Musica dal vivo suonata da un'orchestra tradizionale ispira i giocatori e guida lo stile e il ritmo del loro gioco.
Al Chinlone possono giocare sia donne che uomini e bambini, spesso nello stesso team.
Per giocare bene, la squadra deve essere molto unita e ogni mente deve essere attenta.

In aggiunta al tradizionale gioco di squadra, c'è una variante chiamata "wein kat" che prevede un solo giocatore denominato "tapandaing".
In questo caso possono giocare solo le donne.
L'allenamento dei giocatori professionisti si concentra molto sul loro stato mentale, rendendolo simile alle tecniche di meditazione zen.
In effetti tutte queste caratteristiche (l'estetica, la meditazione, le forme) rendono il Chinlone molto più affine alle arti marziali o alla ginnastica ritmica che al nostro calcio.
Ma nonostante tutto la FIFA stessa lo riconosce come uno degli antenati del calcio odierno.
A mio parere, il Chinlone dovrebbe essere insegnato regolarmente nelle scuole calcio; i ragazzi migliorerebbero in modo esponenziale le loro abilità, divertendosi.
Nello specifico il Chinlone è una forma di esercizio fisico incredibile:

Sviluppa la salute e la resistenza.
Aumenta la flessibilità delle gambe, fianchi e schiena.
Migliora la velocità, l'agilità e il coordinamento muscolare.


Praticando il Chinlone si noterà un grande miglioramento nel senso di equilibrio.
Fin dall'inizio si cerca di sviluppare la forza funzionale, in entrambe le gambe, e l'abilità con entrambi i piedi.
Essere in grado di usare entrambi i piedi darà la possibilità al calciatore di giocare con continue varianti e di essere molto creativo.
Il Chinlone offre anche la possibilità di aumentare il proprio focus e richiede una concentrazione continua.
Quando si gioca bisogna essere assolutamente attenti a non perdere mai il contatto con la palla.
Non c'è separazione tra il sé e la palla.
Il Chinlone può anche essere giocato da soli come ottimo esercizio, oppure diventa un sano e divertente gioco di squadra.
Non essendo un gioco essenzialmente competitivo aiuta l'aggregazione e nello stesso tempo sviluppa la lucidità del gioco di squadra.
Anche questo gioco o allenamento deve essere accompagnato dalla Musica appropriata.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu